Una fatica ben ripagata

Lo Sforzato di Valtellina,‭ ‬elegante erede moderno dei vini di cui Leonardo ammirava la potenza

È un lavoraccio,‭ ‬per i lieviti che trasformano il succo d'uva in vino,‭ ‬aggredire un mosto con una concentrazione zuccherina che arriva al‭ ‬25-30‭ ‬per cento.‭ ‬Ci vogliono intere settimane di fermentazione per convertire in alcol tutto lo zucchero contenuto nelle uve spremute dopo mesi di appassimento sui graticci.‭

Testate:

Temi:

Etichette in multisala

Wine movies, un nuovo genere cinematografico dai risvolti imprevedibili

In America è scoppiata la febbre del vino e Hollywood ne prende atto facendo del‭ ‬wine movie un nuovo genere cinematografico.‭

Testate:

Temi:

Slow white

I sorprendenti e longevi bianchi della Cantina di Terlano

Sebastian Stocker aveva solo 26 anni quando arrivò come Kellermeister alla Cantina di Terlano. Avrebbe mantenuto il suo posto fino al momento di andare in pensione, quasi quarant'anni più tardi, ma si preoccupava già di lasciare un buon ricordo di sé. Così cominciò a mettere da parte ogni anno 500 bottiglie dei vini migliori, quelli che lui era convinto potessero sopportare, migliorando, un invecchiamento di molti anni, forse decenni.

Testate:

Temi:

Carmignano, vino secessionista

Nelle terre del Chianti, la più piccola Docg d'Italia

«Restarono molto meravigliati quando intesero che era vin di Carmignano», scrive nelle sue memorie il diplomatico toscano Filippo Mazzei raccontando di una cena londinese nel corso della quale aveva fatto servire, in quella che oggi chiameremmo una degustazione alla cieca, una bottiglia di Bordeaux, una di Borgogna e una dello sconosciuto vino della sua terra, chiedendo ai commensali di dire quale fosse il loro preferito. Giudizio unanime a favore dello sconosciuto vino italiano, e conseguente sorpresa degli stessi giudici. Sono passati oltre 250 anni da quella serata di metà XVIII secolo, ma il Carmignano non ha ancora smesso di essere una piacevole scoperta.

Testate:

Dodici sport di... versi

An Almanac of twelve Sports

By William Nicholson
With words by Rudyard Kipling
Published by William Heinemann. London

Here is a horse to tame –
Here is a gun to handle –
God knows you can enter the game
If you’ll only pay for the same,
And the price of the game is a candle –
One single flickering candle!

Almanacco di dodici sport

di William Nicholson
con versi di Rudyard Kipling.
Versione italiana di Flavio Grassi

Vieni il cavallo a domar,
vien col fucile a sparar.
Il cielo l'attesta, anche tu giocherai
se del gioco il prezzo pagare vorrai.
Pagar non devi che una candela,
solo una tremolante candela.

Presentazione

di Mariateresa Truncellito
Sir William Nicholson nato nel Nottinghamshire nel 1872, visse fino alla rispettabile età di 77 anni. E per quasi mezzo secolo si dedicò alla pittura di ritratto.

Testate:

Maestosamente puro

Taglio bordolese e stile californiano per un grande vino kosher da Israele

Dal tramonto del 12 settembre, i vigneti dello stato di Israele sono abbandonati a se stessi. È cominciato lo Shmita, il «settimo anno» che, come recita il Levitico (il terzo libro della Torah) «sarà come sabato, un riposo assoluto per la terra». Per tutto questo anno, «non seminerai il tuo campo e non poterai la tua vigna. Non mieterai quello che nascerà spontaneamente dal seme caduto nella tua mietitura precedente e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata».

Fermentazione architettonica

Cantine d'autore per magnati e wine traveller

Nell'epoca in cui la riproducibilità tecnica ha spogliato anche l'arte di un po' della sua magia, il vino è uno degli ultimi prodotti che riescano a dare l'emozione dell'esperienza irripetibile, perché ogni bottiglia è diversa dall'altra. E nell'epoca delle delocalizzazioni, ogni vino resta indissolubilmente legato alla vigna da cui nasce.

Così oggi i grandi tycoon internazionali si comprano il loro buen refugio negli angoli di mondo coi quali gli dei del vino sono stati più generosi, come il magnate della Time-Warner Richard Parsons diventato viticoltore in Montalcino. Ma le radici del vino stregano anche chi preferisce il fascino irrequieto del nomadismo alla serenità dell'agricoltura stanziale e chi comunque non si sente pronto al balzo da consumatore a produttore. In tutto il mondo, quella dei cercatori di vino è una tribù di raffinati edonisti, ristretta nei numeri ma dalle ampie disponibilità di spesa. Tanto che lo stesso governatore Schwarzenegger ha deciso di scendere in campo interpretando una serie di spot televisivi per invitare tutti gli enonauti d'America a visitare le cantine californiane e dintorni.

La muffa filosofale

Château d'Yquem, l'oro liquido che nasce dalla sofferenza dell'uva

Sul finire dell'estate, nelle prime ore del mattino una nebbia sottile avvolge i vigneti sulle colline d'Aquitania. È allora che un esercito di microscopici vampiri aggredisce i grappoli d'uva ormai maturi, si nutre della loro acqua succhiandola attraverso le bucce e si moltiplica ricoprendo piano piano gli acini di una camicia di forza color della nebbia. Con l'avanzare della giornata, il calore del sole riscalda e asciuga l'aria costringendo i voraci invasori a fermarsi spossati, per poi ricominciare la loro opera il mattino seguente.

Un brindisi alla faccia di Stalin. E di Putin

La resurrezione del rosso georgiano

Il georgiano Stalin apprezzava molto i vini della sua terra, e in pochi piani quinquennali il suo amore quasi riuscì a distruggere una tradizione plurimillenaria. Oggi il nipote del suo cuoco, il pietroburghese Vladimir Putin, ha bandito i vini georgiani dalla Russia. Ma il suo disprezzo potrebbe diventare il miglior viatico per il rinascimento della vitivinicoltura caucasica.

Testate:

Temi:

Per Bacco, che tabacco!

Dal Sud Africa, il sigaro che non trasforma il buon vino in minestra di verdure

Il fumo di un sigaro, anche del più delicato fra i sigari, uccide il gusto di qualsiasi vino, anche del più corposo fra i vini. Lo sanno tutti, ed è uno di quegli assiomi fondamentali che nessuno si sogna di mettere in discussione. È anche una delle più lampanti dimostrazioni della tendenza del destino a essere cinico e baro, in particolare quando ci sono di mezzo i piaceri della vita. Già, perché capita che molti fra gli estimatori della soave voluttà di un Avana amino anche assaporare la sinfonia di aromi e sapori di un robusto rosso invecchiato al punto giusto.

Testate:

Temi:

Pages

Subscribe to Flavio Grassi RSS